www.marinavalensise.it
.
Annunci online

 


 
www.marinavalensise.it www.marinavalensise.it www.marinavalensise.it
   

Primo piano
Appuntamenti
Pubblicazioni
Articoli
Chi sono
Contatti
Blog
 
Link
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Berlusconi e le minorenni che non esistono
Pubblicato il 27 maggio 2009, in Diario

Le minorenni non esistono più. A tredici anni si truccano, si fanno il tatuaggio, si bucano il naso per infilarsi un cerchietto oppure un diamantino, hanno le chiavi di casa, escono da sole la sera, restano a dormire fuori, prendono pure la pillola, la pillola del giorno dopo, del giorno prima, del non si sa mai..Sin dalla quinta elementare hanno imparato a mettere il cappuccio su  una  banana, perché  “prevenire è meglio di curare”. Hanno la testa piena di luoghi comuni e conformismi invincibili. Sono ribelli per definizione. Adesso, però,  se un ricco signore le invita a passare il capodanno a casa sua, tutti si indignano e scoprono che non dovrebbero  accettare…  Ohibò! E perché mai, si domanda l’immoralista libertario.
    Semplice. Se il ricco signore non è solo un vecchio esteta un po’ annoiato, ma un tycoon che ha rivoluzionato il paesaggio televisivo di una potenza industriale, divntandone pure il capo del governo,  legittimamente eletto col suffragio universale, c’è una sproporzione, un’assimetria che inclina troppo verso l’abuso di potere per lasciare insensibili i cittadini altrimenti indifferenti alla virtù delle loro figlie minorenni. Finché l’anarchia dei comportamenti si commisura sul piano della libertà del singolo e della sua autodeterminazione  in regime di libertà e eguaglianza, nessun ha niente da ridire: pillola, piercing, scafamento a go go, tutto è   consentito. Quando però l’anarchia dei comportamenti è l’effetto di  un’asimmetria, legata al  potere nella sua più alta espressione istituzionale, scatta non solo il distinguo, ma  un meccanismo di rifiuto.
    Il fatto è che ci ripugna, a noi sani democratici, vedere confusi due comportamenti antagonistici: da un lato l’autodeterminazione del singolo, che vuole essere libero di fare, sperimentare, sbagliare, peccare, provare, sentire, fornicare etc etc etc, dall’altro l’obbedienza compiaciuta alle  stravaganze di un vecchio ricco e potente, simpatico e gentile quanto si vuole, ma  pur sempre in grado di offrirti un destino e dunque  di negartelo, assoggettando la tua volontà al suo piacere.  Per questo saltano fuori le minorenni  anche se non esistono più; per preservare  l’utopia  che è il vero cuore della democrazia moderna, fondata sull’ideale di libertà e eguaglianza. La realtà invece è relativista.

Marina Valensise
© Il Foglio 26 maggio 2009


 

sfoglia
aprile        giugno
 


 
   
Contattami